AUTO D'EPOCA

 

Seguita da vari esponenti italiani del settore, comprende presentazione di auto d’epoca tra le più belle italiane e straniere. Alcune con riferimento ad articoli, manifestazioni, indicazioni sul settore. Inoltre  troverete indicazioni di prezzi e  quotazioni per  questo  investimento alternativo.

Inoltre una piccola rubrica dedicata alle corse di auto moderne della categoria CEAT.

 

 

  .

 

 

 

RICORDIAMO  CHE  MOLTI  VIDEO SONO DA NOI PRODOTTI PER ALTRE  EMITTENTI  E QUINDI NON  DISPONIBILI SUL NOSTRO SITO.

CROFGATE ITALIA ALTA COSMESI  PER LA CURA DELL'AUTO  E  DELLA MOTO.

WWW.CROFTGATEITALIA.COM

 

Mob. 339-8515971

Mob. 347-7595105

                                                                          MILANO

                                                              AUTOCLASSICA 

                                                  FIERA MILANO RHO 

                                         22   -23-  24 NOVEMBRE 2019

Novità della  fiera: Come gli anni  passati  tra  le  novità una  ricca asta organizzata  da Wannenese tra le  vetture proposte  riportiamo  alcuni  esempi.

Alfa Romeo Spider 1300 Junior “Osso di Seppia” – 1968

 

Soli 65.130 Km
Rosso Alfa Romeo con interni in pelle colore nero
L’autovettura è stata restaurata interamente usando molti componenti originali e non di recente produzione ma dell’epoca.

 Per l' occasione dell’Asta del 23 novembre prossimo, il lotto principale sarà la bellissima AlgfaRomro 8C. competizione l’unico  esemplare verniciato nel  colore  Blue Maserati  Notturno.

L’ALFA 8C, ordinata da un amico personale di Sergio Marchionne per una scommessa fra i due, rappresenta senza dubbio al meglio i valori di funzionalità e bellezza di una vera gran turismo italiana (lotto 29, stima 240.000 – 400.000 euro).

Alfa Romeo Giulietta Sprint 1300 – 1957

Totalmente restaurata soli 2000 km dopo il restauro
Grigio chiarissimo – Interni in panno grigio e similpelle blu
Certificazione Museo Alfa Romeo
Certificata ASI – Fiche C.S.A.I.
Premiata alla Coppa D’oro delle Dolomiti 2019

ALFA ROMEO 2000 SPIDER BY TOURING SUPERLEGGERA 1960

Perfetta sintesi di sportività ed eleganza
Un’ ottima base per un restauro cosmetico
Nella stessa proprietà per più di 20 anni

Stima € 55.000 – 80.000

PRONTO IL VIDEO DELLA FIERA  DI  PADOVA

UNA PASSIONE CHE NON SI SPEGNE MAI
L’Asta Finarte aggiudica il Top Lot Alfa Romeo 6C 2500 Cabriolet Pininfarina per 639.060 €
Cresce la notorietà internazionale, con collezionisti, appassionati e giornalisti da tutto il mondo

27 ottobre 2019 – Si chiude oggi con un nuovo traguardo di oltre 130.000 visitatori la 36° edizione di Auto e Moto d’Epoca, la rassegna dedicata al mondo dell’auto storica, organizzata da Intermeeting presso i padiglioni della Fiera di Padova. E se lo slogan dell’edizione 2019 era “L’auto accende la passione”, anche quest’anno la risposta dei visitatori è stata entusiasmante fin dall’apertura.

In un momento di difficoltà per gli eventi del settore a livello internazionale, Padova cresce – sottolinea l’organizzatore Mario Carlo Baccaglini – Un segnale in controtendenza perché a Padova mettiamo al centro la passione del visitatore, che solo qui può trovare oltre 5.000 auto d’epoca di altissima qualità. I risultati che raccogliamo oggi confermano Auto e Moto d’Epoca come l’evento di riferimento per gli appassionati di tutto il mondo. Altro fenomeno interessante è quello delle Youngtimer, i modelli anni ’80 che affascinano i giovani e permettono loro di entrare nel mondo delle auto d’epoca attraverso la porta giusta, quella della passione, che è poi il vero carburante della nostra manifestazione”.

Bilancio molto positivo per i commercianti italiani ed esteri, che hanno incontrato compratori e collezionisti provenienti da tutte le latitudini: Europa, Canada, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda, Sudafrica e Brasile.

Porsche, Alfa Romeo, Ferrari e Maserati i marchi più rappresentati con diversi debutti eccellenti tra i dealer. Per la prima volta a Padova, ad esempio, Dr. Konradsheim con le sue Porsche di altissimo livello, e Girardo & Co, tra i dealer più conosciuti a livello mondiale, che ha puntato invece sulle vetture da corsa, come l’Alfa Romeo Tipo 33 TT 3 del 1972, ultima Alfa ad aver corso Le Mans. Anche per gli olandesi di Real Art on Wheels è stata una prima volta fruttuosa a Padova, con la vendita di 3 auto, tra cui una one-off, la Porsche 993 2S Cabriolet del 1998. Sul filo dell’eccellenza, presenti in fiera anche alcuni pezzi della Collezione Righini, la n. 46 tra le più importanti al mondo, che custodisce la prima Ferrari mai costruita. Righini ha inoltre collaborato all’esposizione Le Rosse in abito da corsa, fiore all’occhiello di questa 36° edizione – organizzata da ACI con Auto e Moto d’Epoca – che ha saputo stupire i visitatori con ben 8 modelli di barchetta esposte nel Padiglione 3 – Arena ACI.

Anche quest’anno gli appassionati ci hanno premiato testimoniando il loro interesse per la storia dell’automobile con un’affluenza continua alla mostra sulle barchette Ferrari, ha affermato Angelo Sticchi Damiani, presidente dell'Automobile Club d’Italia. “Auto e Moto d’Epoca ha una forza di richiamo straordinaria e rappresenta anche un punto nevralgico di confronto tra gli operatori, come nel caso del nostro dibattito sul tema fiscalità e auto storiche da cui è emerso quanto sia ormai necessario predisporre una ‘lista di salvaguardia’ per avere sotto controllo il parco circolante delle vetture ultra-ventennali, per tutelare i veicoli di reale interesse storico e rottamare quelli, semplicemente, vecchi, non sicuri e altamente inquinanti”.

Grande interesse per l’asta Finarte realizzata in collaborazione con Automotive Masterpieces, che ha totalizzato oltre due milioni e trecentomila euro di vendite totali, cifra in costante aumento per l’andamento eccezionale delle vendite post-asta. Venduto per € 639.060 il top lot, l’Alfa Romeo 6C 2500 Sport del 1947, chassis no. 915303. L’unica cabriolet Pinin Farina ad avere partecipato alla Mille Miglia nel 1949 e grande risultato anche per la “world premiere” del progetto ID|EM “Twin Works”, con una coppia di Porsche 911 gemelle: una d’epoca, restaurata a perfezione e una moderna, allestita su misura, in livrea matching con la prima. Lotto battuto anch’esso per € 639.060. Venduto l’esemplare unico di Fiat-Abarth 750 Spyder (Zagato), chassis no. 100*519476, che si ritiene essere l'esemplare presentato al Salone Internazionale dell'Automobile di Torino del 1958. Andrà a fare parte di un’importante collezione di vetture Abarth, per la cifra di € 81.529.

Tra le curiosità, da segnalare la proposta di Ruote da Sogno, che – oltre alla consueta presenza con modelli di eccellenza, come la Ferrari 250 GTL Lusso del 1964 e la Maserati 3500 GT – lancia lo sguardo al futuro dell’auto d’epoca verso l’ecosostenibilità, con un progetto che consente di riconvertire l’auto d’epoca in elettrica, mantenendo la targa e il libretto di circolazione originari.

Per la prima volta il MAUTO a Padova. Con l’auto di Carlo Biscaretti di Ruffia, che fondò il nostro museo, e la leggendaria Itala della Pechino Parigi, abbiamo voluto mettere in pratica la missione comune che ci lega ad Auto e Moto d’Epoca: far conoscere e conservare la storia dell’automobile. In questa città molto bella e vivace, abbiamo incontrato tanti professionisti del settore, anche internazionali, con i quali in futuro potremo realizzare nuove iniziative; allo stesso tempo abbiamo potuto far scoprire il nostro museo al grande pubblico di appassionati dell’auto. Complessivamente, un'esperienza molto positiva".

Il giudizio è positivo anche per la Fondazione Gino Macaluso per l’Auto Storica: “La partecipazione ad una manifestazione così importante nel panorama italiano è un’ottima occasione per divulgare la cultura dell’auto storica, che è la nostra missione. Siamo particolarmente soddisfatti che una delle prime manifestazioni a cui abbiamo preso parte come Fondazione Gino Macaluso per l’Auto Storica sia Auto e Moto d’Epoca, un evento di successo frutto della passione degli organizzatori che ci ricorda quella di Gino Macaluso per l’automobile, lo sport ed il design. La partecipazione insieme alla Fondazione Ferrero Comotto non può che arricchire la grande offerta della fiera.”

 

 

AL VIA  DAL 24AL27 OTTOBRE FIERA PADOVA AUTO E MOTO D'EPOCA.

EDIZIONE 2019

  • 1 4 Case Automobilistiche, Club, Scuderie, Registri, Editoria specializzata, Organizzatori di eventi
  • 2 Club, Scuderie, Registri
  • 3 ACI Automobile Club Italia
  • 5 14 Commercianti e Restauratori auto, Editoria specializzata
  • 5B 6 11 15 Commercianti e restauratori auto
  • 7 Ricambi auto, Automobilia
  • 8 Ricambi auto e moto, Moto d’epoca, Modellismo
  • Galleria 78 Automotive Prodotti per il restauro e la cura dell’auto - Editoria specializzata
  • Area C Classic Square Commercianti auto, Accessori
  • N Privati con auto e moto in vendita
  • S Asta Finarte
  • Aree Esterne Commercianti e restauratori auto, Accessori
Percorso “Collezionismo e Vintage” Pad. 1 - 4 - 5 - 5B - 6 - 11 - 14 – 15

 

TOURING SUPERLEGGERA PROTAGONISTA
A ZOUTE CONCOURS D’ELEGANCE

  • Best of Show per Ferrari 166 MM Barchetta Touring Superleggera
  • Touring Revival, per la prima volta una classe dedicata a vetture “instant classic”
  • Special Award: Most Unique Coachwork per Pegaso Thrill del 1953

 

Dopo la vittoria nel 2018, ‘Best of Show’ per Alfa Romeo 6C2500SS Touring, anche la stagione 2019 non poteva avere migliore epilogo per Touring Superleggera con l’assegnazione del ‘Best of Show’ a Ferrari 166 MM Barchetta Touring Superleggera. Il blasonato concorso d’eleganza di Zoute in Belgio, tradizionalmente conclude la stagione dei Concorsi di Eleganza di maggior rilievoDopo la vittoria nel 2018, ‘Best of Show’ per Alfa Romeo 6C2500SS Touring, anche la stagione 2019 non poteva avere migliore epilogo per Touring Superleggera con l’assegnazione del ‘Best of Show’ a Ferrari 166 MM Barchetta Touring Superleggera. Il blasonato concorso d’eleganza di Zoute in Belgio, tradizionalmente conclude la stagione dei Concorsi di Eleganza di maggior rilievo.

La Touring Superleggera che permise a Ferrari di vincere a Le Mans per la prima volta è stata accompagnata sul green del Royal Zoute Golf Club da altre vetture della manifattura milanese, anche loro insignite di illustri premi. Il maggior riconoscimento al lavoro di Touring Superleggera è, probabilmente, la creazione di una classe dedicata a vetture contemporanee: Touring Revival. Ad aggiudicarsi il riconoscimento l’ultimo telaio prodotto di Touring Berlinetta Lusso, realizzata nel 2015, seguita a ruota da una scintillante Disco Volante Coupé del 2016.

Nella classe “Touring Heritage”, si classifica al primo posto Maserati 3500 GT Spider del 1958, mentre l’eleganza e la meticolosa attenzione alla qualità di ogni minimo dettaglio, che da sempre contraddistingue le automobili carrozzate Touring, ha portato la vittoria dello Special Award for Most Elegant Interior a Alfa Romeo 2000 “PRAHO” Touring del 1960.

Nella categoria dedicata alle vetture del Cavallino Rampante, Touring Superleggera è sui più alti gradini del podio, vittoria con Ferrari 166 Barchetta Le Mans Winner, del 1949 e seconda posizione per Ferrari 166 Inter Touring S1 dello stesso anno. Probabilmente l’assegnazione più lusinghiera è per il premio “Most Unique Coackwork” che Touring Superleggera conquista con Pegaso Thrill del 1953.

Piero Mancardi – CEO Touring Superleggera:

“Con ben tre ‘Best of Show‘ ai maggiori concorsi, la stagione 2019 ha ancora una volta confermato quanto le vetture Touring Superleggera hanno inciso nella storia del design automobilistico.

BLOCCO  AUTO  STORCHE  TORINO  E COMUNI LIMITROFI.

 

TOLTO  IL  BLOCCO  PERMANENNTE  ALLE  AUTO  STORICHE NEL  COMUNE  DI  TORINO  E  COMUNI  LIMITROFI ,VOLUTO  DAL  VICESINDACO DI  TORINO MAROCCO, CON  ORDINANZA  DELL'ASSESSORE ALL'AMBIENTE DELLA  REGIONE  PIEMONTE MATTEO  MARNATI.

FINALMENTE  UNA  SENTENZA ED  UNA  DECISIONE  INTELLIGENTE.

DISPONIBILE  IL  VIDEO  PRODOTTO  A  VERONA  LEGEND  CARS PRESSO  LA  FIERA  DI  VERONA NELLA  GIORNATA  DI ALLESTIMENTO  DELL'EDIZIONE 2019.

DISPONIBILE  IL  VIDEO  DELLA  SFILATA  DI  MODA  ABBINATO  AL  V CONCORSO  DI  ELEGANZA"LE  AUTO, L'ELEGANZA  E  LO  STILE  DEL  XX SECOLO" SVOLTOSI  IL  4 E 5 MAGGIO 2019  PRESSO  LA VILLA  REALE  DI MONZA.

ARRIVATA A BRESCIA  LA  CAROVANA  DELLA 1000MIGLIA 2019 DECRETANDO  LA  FINE  DELLA 37° EDIZIONE..

Sabato  H.19,50.

Giungono per  primi a  Brescia Giovanni Moceri e Daniele Bonetti del Team Alfa Romeo  che si aggiudicano così la vittoria della 37° 1000 Miglia 2019. Il duo a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928 – di proprietà del Museo Alfa Romeo di Arese – ha conquistato così il podio totalizzando 74752 punti. Moceri, medico palermitano, e Bonetti, giornalista bresciano, hanno avuto la meglio sul Team Villa Trasqua, l’equipaggio composto dai due bresciani Andrea Vesco e Andrea Guerini che, a bordo di una Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929, hanno totalizzato 73611 punti. In terza posizione, con 72786 punti, Juan Tonconogy e Barbara Ruffini, a bordo di una Bugatti Type 40 del 1927, la coppia detentrice del titolo dello scorso anno.
A ridosso del podio, al quarto posto, Alberto Riboldi e Paolo Sabbadini, su una O.M. 665 S Superba 2000 del 1926. La la Coppa delle Dame è  andata  invece al  duo composto dalla bresciana Silvia Marini e Francesca Ruggeri  su Aston Martin 2 Litre Speed Model del 1937 che  si  sono piazzate al 34esimo posto complessivo, con 53766 punti. 

Sabato 18 Maggio 2019.
La pioggia ha bagnato  le vetture  in partenza  da Bologna verso Brescia nell'ultima tappa. La classifica vede al momento in testa Giovanni Moceri e Daniele Bonetti (Team Alfa Romeo), a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928, con 67910 punti. In seconda posizione l’equipaggio di Andrea Vesco e Andrea Guerini (Team Villa Trasqua), con una Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929, con 67296 punti e un distacco di 614 lunghezze. In terza posizione, con 66525 punti, Juan Tonconogy e Barbara Ruffini, a bordo di una Bugatti Type 40 del 1927.

Dopo il pranzo al Palazzo Ducale di Parma, le vetture sono  ripartite verso Brescia  sotto un cielo minaccioso puntando  verso  Busseto e Cremona,per  poi  proseguire verso Carpenedolo, Montichiari e Travagliato.


Venerdì 17 Maggio 2019.

Partita sotto  la  minaccia della prevista  pioggia la terza tappa. Le vetture della Freccia Rossa hanno lasciato Roma alle ore 6:30 alla volta di Bologna. Sarà Siena ad ospitare le vetture per la pausa pranzo durante questa penultima giornata di gara. Nonostante  le  previsioni  meteo un sole primaverile accompagna  gli  equipaggi. Come  sempre entusiasmo e  tanti  spettatori  che  come  ogni  anno  attendono  le meravigliose  vetture ed oggi nel centro storico di  Siena. In  serata le auto  taglieranno il traguardo di Bologna, città di arrivo della terza tappa partita questa mattina da Roma.

Le vetture transiteranno da Vinci, Montecatini, Pistoia, Firenze e via  verso l'Impervio Passo della Futa e della Raticosa prima di approdare in serata nel capoluogo emiliano.La terza tappa potrebbe essere quella decisiva e, dopo la prova di precisione 77 – Campiglia Orcia 8, si posiziona in testa alla classifica il duo composto da Giovanni Moceri e Daniele Bonetti (Team Alfa Romeo), a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928, con 54879 punti. Con un distacco di 545 lunghezze, segue l’equipaggio di Andrea Vesco e Andrea Guerini (Team Villa Trasqua), con una Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929, in seconda posizione con 54334. Chiude il podio una new entry rispetto le graduatorie precedenti, che supera il duo Tonconogy-Ruffini: si tratta della O.M. 665 S SUPERBA 2000 del 1926, guidata da Alberto Riboldi e Paolo Sabbadini, piazzata momentaneamente al terzo posto, con 53405 punti.

Ieri, al termine della giornata, la classifica provvisoria segnava questi piazzamenti: in cima alla graduatoria Andrea Vesco – Andrea Guerini (Team Villa Trasqua), con una Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929; al secondo posto il duo Giovanni Moceri e Daniele Bonetti (Team Alfa Romeo), a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928; in terza posizione sempre la Bugatti Type 40 del 1927 di Juan Tonconogy e Barbara Ruffini.
Per quanto riguarda la Coppa delle Dame, guidava la graduatoria provvisoria l’equipaggio composto da Franca Boni e Monica Barziza su una Lancia Aprilia 1500 del 1949.

Giovedì 16 Maggio 2019. 

In vetta alla classifica provvisoria continua il testa a testa fra i tre equipaggi favoriti, con continui ribaltamenti di fronte a rendere emozionante la competizione.
Al termine della prova di precisione 27 – Mercatino Conca 6, risultano attualmente in prima posizione Giovanni Moceri e Daniele Bonetti (Team Alfa Romeo), a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928, con 17596; al secondo posto il duo Andrea Vesco-Andrea Guerini (Team Villa Trasqua), con una Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929, con 17514 punti; in terza posizione la Bugatti Type 40 del 1927 di Juan Tonconogy e Barbara Ruffini che finora hanno totalizzato 16893 punti .Al tramonto le auto d’epoca sono attese a Roma, esattamente alle 20:30, non prima di aver attraversato Cesenatico, Gambettola, Urbino, Corinaldo e Senigallia. Alle 13:00 il breve ristoro a Fabriano, nel loggiato di San Francesco, e il proseguimento del percorso verso Perugia, Assisi, Terni, Rieti e l’arrivo nella Capitale per la suggestiva passerella in Via Veneto.

PARTITA  LA 37 EDIZIONE  DELLA  1000Miglia

Dopo la partenza da Brescia nel pomeriggio odierno, e gli attraversamenti di Desenzano, Sirmione e Parco Giardino Sigurtà di Valeggio sul Mincio, le 430 vetture d’epoca stanno attraversando Mantova per poi dirigersi verso Ferrara.
Seguiranno i passaggi a Comacchio e Ravenna ed in  serata taglieranno il traguardo di Cervia-Milano Marittima, da dove domattina, partiranno per la seconda tappa verso Roma.
In testa alla classifica, al momento della prova di precisione 9 – Moscatello 4, con 5895 punti, il duo composto da Andrea Vesco e Andrea Guerini (scuderia Villa Trasqua), a bordo di una Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929. Segue con 5813 punti l’equipaggio composto da Juan Tonconogy e Barbara Ruffini, a bordo di una Bugatti Type 40 del 1927. Sul terzo gradino del podio provvisorio, con 5795 punti, Giovanni Moceri e Daniele Bonetti (scuderia FCA), che
guidano una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928.

Le 430 vetture della Freccia Rossa, dopo la punzonatura in Piazza Vittoria, alle 14:30 sono partite da Viale Venezia e si stanno dirigendo verso Desenzano, per poi proseguire in direzione di Sirmione, del Parco Giardino Sigurtà di Valeggio sul Mincio, Mantova, Ferrara, e ancora Comacchio, Ravenna per giungere in serata a Cervia-Milano Marittima.

SI  SCALDANO I MOTORI  PER  L'EDIZIONE  2019 DELLA 1000MIGLIA.

ECCO IL  VIDEO DEL  V CONCORSO  DI  ELEGANZA, SEGUIRA' QUELLO  RELATIVO  ALLA  SFILATA  DI  MODA.

CONCLUSA LA  VERONA  LEGEND  CARS.

Si è chiusa oggi la quinta edizione di Verona Legend Cars, la fiera dell’heritage e dell’auto classica. Tantissimi i visitatori della mostra  dedicata ai 100 modelli che hanno caratterizzato la storia dell’auto  dal primo veicolo con motore a scoppio  alle capostipiti delle vetture per famiglie e delle city car, all’evoluzione delle granturismo, del fuoristrada e delle prestigiose Lancia Stratos , Lamborghini Countach, per arrivare alle moderne Ferrari GTC 4 Lusso e 500 Abarth. 

Patner: ACI Storico, Editoriale Domus con Ruoteclassiche, il Museo dell’Auto di Torino e il Museo Nicolis di Verona, l’Agenzia Relazioni Digitali by Mailander, diversi club storici e importanti collezionisti italiani e internazionali.

Grande curiosità per le vetture del Museo Nicolis dedicata al Marchio Bianchi. Un’esposizione con tre eccezionali pezzi da collezione: la Bianchi S9 Sport del 1935, l’elegante e parsimoniosa moto Bianchina del 1950, la straordinaria bicicletta da corsa “Specialissima Giro d’Italia” del 1961. 

 

Vasta infine la scelta di ricambi originali: dalle parti meccaniche alle rarissime autoradio degli anni ’50.  

VERONA  LEGEND  CARS 11-12 MAGGIO 2019.

Grande apertura per Verona Legend Cars. Il salone dell’auto classic ha inaugurato quella che può essere considerata la mostra dell’anno in ambito motoristico: 100 MITI, l’esibizione che ripercorre l’intera evoluzione dell’automobile attraverso 100 modelli, ognuno a suo modo eccezionale per il valore tecnico, sociale o di design. Una mostra per il grande pubblico, 133 anni di rivoluzione a quattro ruote. 

Presenti all’inaugurazione le più importanti istituzioni del mondo Classic: da ACI Storico al neo eletto presidente ASI, il veronese Alberto Scuro.

Oltre mille le auto presenti nei padiglioni dedicati al mercato, ognuna con la propria storia da raccontare Y)

Verona Legend Cars sta crescendo” ha dichiarato Mario Baccaglini, organizzatore della fiera. 

Code fin dal mattino alle biglietterie di Verona Fiere. Un forte segnale di interesse verso la mostra e la fiera da parte non solo degli appassionati ma anche di un pubblico più allargato.

 

CONCLUSOSI CON  GRANDE  PARTECIPAZIONE E  SENZA  PIOGGIA IL  V CONCORSO "AUTO,ELEGANZA E  STILE  DEL XX SECOLO" PRESSO  VILLA  REALE  MONZA. DISPONIBILE SU  YOUTUBE NELLA  TRSAMISSIONE  SU  LA6 BOBBGEAR DEL 9 MAGGIO UN  BREVE FILMATO  DELL' EVENTO. SARA' POI  DISPONIBILE  IL  VIDEO  COMPLETO DELL'EVENTO..

Download
V CONCORSO DI ELEGANZA AUTO E STILE DEL XX SEC.
Concorso di eleganza per auto con l' abbinamento di una sfilata di Moda in cui potrete ammirare favolose macchine italiane e straniere dei bellissimi anni che furono, con l'aggiunta di super car .
5 concorso di eleganza.docx
Documento Microsoft Word 669.1 KB

ANCHE QUEST'ANNO IL 4 E 5 MAGGIO  SI S VOLGERA' IL  V CONCORSO" AUTO,ELEGANZE  E  STILE  DEL  XXSECOLO." IN  BASSO  TROVATE  IL  VIDEO DELLA  PASSATA  EDIZIONE 2018, MENTRE  IN  ALTO  POTETE  SCARICARE  PROGRAMMA  E  MODULO  ISCRIZIONE.




Clicca sulla  foto  per  il  programma